Skip to main content

La Regine Sixt Children's Foundation sostiene i progetti UMF Burg Schwaneck a Monaco-Pullach e a Corde (Im Herzen) a Erfurt.

Il sostegno dei rifugiati minori non accompagnati (UMF) è dovuto all' impegno del membro del consiglio direttivo di Sixt Alexander Sixt.


(copy 1142)

Molto presto Alexander Sixt si rese conto che il gran numero di rifugiati presenterà alla Germania una sfida storica. Per lui è molto importante che non solo la Regine Sixt Children's Relief Foundation, ma anche il Gruppo SIXT contribuiscano in modo sostenibile all' integrazione dei bambini e dei giovani rifugiati in Germania, specialmente per i rifugiati minori non accompagnati (UMF). Alexander Sixt non solo è attivo sul proprio territorio come membro del consiglio di amministrazione della Regine Sixt Children's Relief Foundation, ma si è anche impegnato come imprenditore e rappresentante del Gruppo SIXT con una promessa di sponsorizzazione a sostegno dell' iniziativa "Wir Zusammen - Die Integrations-Initiative der deutschen Wirtschaft" (We Together - The Integration Initiative of German Business). Tra i due progetti UMF sostenuti da Regine Sixt Kinderhilfe, Burg Schwaneck in Monaco-Pullach come istituzione del Kreisjugendring München-Land insieme alla Diakonie, Youth Welfare Oberbayern, e il progetto UMF in corde ("Im Herzen") del Malteser a Erfurt.

UMF-Projekt Pullach

Nell' ottobre 2015, il primo gruppo di 28 giovani si è trasferito nella struttura. Dal febbraio 2016,110 adolescenti maschi e femmine di età compresa tra i 14 e i 17 anni sono stati assistiti. Il gruppo di 20 ragazze è piccolo. La maggior parte dei giovani sono giovani uomini. Molti dei rifugiati minori non accompagnati frequentano corsi di lingua al mattino e nel pomeriggio frequentano la scuola secondaria di Pullach. La Fondazione Regine Sixt Children's Aid Foundation non solo ha finanziato gran parte dei costi iniziali per l' allestimento di interni, come mobili, tappeti e lampade, ma ha anche finanziato attrezzature sportive come reti da calcio, cestini da pallacanestro, tavoli da ping-pong o slackline per l' uso all' aperto. Anche la Regine Sixt Children's Aid Foundation si concentra sulla sostenibilità in questo settore e vorrebbe essere presente per i giovani, soprattutto nei primi due anni. Non solo con l' acquisto di mobili e libri di testo o la fornitura di corsi di tedesco e lezioni di nuoto. Vorremmo mostrare ai giovani che siamo interessati a avvicinarli alla nostra cultura e, in cambio, a imparare qualcosa sulla loro cultura e sul loro paese d' origine.

UMF-Progetto Erfurt

Insieme all' Ordine di Malta, la Fondazione Regine Sixt Children's Aid Foundation sostiene una seconda istituzione per i rifugiati minori non accompagnati (UMF) a Erfurt. La fondazione, simile al modello di Burg Schwaneck, ha garantito la manutenzione dell' attrezzatura e delle infrastrutture originali. La struttura nel centro di Erfurt è notevolmente più piccola del progetto Pullach. A Erfurt, a Erfurt, ci sono solo 18 giovani maschi di età compresa tra i 14 e i 17 anni. Sotto la supervisione del Malteser Hilfsdienst e con il sostegno finanziario della Regine Sixt Children's Relief Foundation, è stato possibile convertire e ampliare di conseguenza la struttura. Una grande cucina comune è stata attrezzata con tutti gli elettrodomestici come frigorifero, lavatrice, fornello e forno. Inoltre, i bagni erano dotati di servizi igienici, lavabi e docce e i bagni erano piastrellati di recente. Sono state realizzate nuove linee idriche ed elettriche. Le confortevoli camere con due letti singoli con libreria, scrivania e armadi sono state arredate in modo che i giovani possano sentirsi a casa dopo poco tempo.

Initiativen der Wirtschaft

Insieme - Questo è il motto delle iniziative di integrazione dell' economia tedesca, alle quali partecipa anche il Gruppo SIXT e a cui Alexander Sixt, membro del consiglio di amministrazione, ha preso parte come sponsor per i minori non accompagnati. L' iniziativa We Together vuole dare un contributo positivo all' integrazione sostenibile dei rifugiati. Molte aziende tedesche sono impegnate e vedono non solo la necessità di aprire prospettive future, ma anche le opportunità che l' immigrazione offre al nostro paese.